Discussioni di architettura
 

grassello di calce

elledi 31 Ott 2014 11:52
toc,toc, c'e'ancora qualche anima viva?

Qualcuno ha una *consolidata* esperienza sul grassello di calce come
pittura per interni? Lo uso da decenni senza il minimo problema ma eran
tutti lavori a sud.
Adesso la mia calchera non me lo spedisce (beh, non a costi umani) e qui
in Lombardia siamo arrivati a darne 5 mani e ancora ci sono ombre..
Ho comperato anche l'invecchiato 48 mesi: bof...un miglioramento forse
del 5% che non giustifica minimamente i 50 euro a tolla.
Non mi capacito, non é mai successo e non voglio pensare quando andremo
sugli esterni che é umido.
Se c'é qualcuno spiego bene.
Okkio: grassello, non premiscelati, traspiranti, "a base di",...
Grazie
eddy 1 Nov 2014 09:13
Il giorno venerdì 31 ottobre 2014 11:52:17 UTC+1, elledi ha scritto:
> toc,toc, c'e'ancora qualche anima viva?
>
> Qualcuno ha una *consolidata* esperienza sul grassello di calce come
> pittura per interni? Lo uso da decenni senza il minimo problema ma eran
> tutti lavori a sud.
> Adesso la mia calchera non me lo spedisce (beh, non a costi umani) e qui
> in Lombardia siamo arrivati a darne 5 mani e ancora ci sono ombre..
> Ho comperato anche l'invecchiato 48 mesi: bof...un miglioramento forse
> del 5% che non giustifica minimamente i 50 euro a tolla.
> Non mi capacito, non é mai successo e non voglio pensare quando andremo
> sugli esterni che é umido.
> Se c'é qualcuno spiego bene.
> Okkio: grassello, non premiscelati, traspiranti, "a base di",...
> Grazie

Personalmente uso prendere il grassello, all'inizio del cantiere, metterlo nei
fusti con l'acqua per spegnerlo ulteriormente fino alla necessità dell'uso. In
questo modo si stabilizza ulteriormente, e tra le altre cose sopporta benissimo
le terre d'ombra, sono arrivato ad oltre 22 kg di terre per quintale di
grassello, ho gli esterni di un edificio fatto così nel 1981 ed è ancora
perfetta. Però ha sfogato i soliti carbonati per circa 3 anni, ma è un segno
che stava tirando bene e che si stabilizzava. Nota generalmente lo faccio dare
con la pompa in questo modo: prima passa l'aiuto pittore con la pompa e spruzza
acqua per bagnare l'intonaco e, subito dopo e velocemente senza dare il tempo di
asciugare, il pittore con la pompa a spruzzare la calce, faccio così per tutte
le mani, in genere 3. Chiaro che se ci sono riprese d'intonaco si vedono,
all'inizio poi , nel tempo si omogenizza tutto, è la caratteristica della vera
calce.
elledi 1 Nov 2014 23:21
Il 01/11/14 09.13, eddy ha scritto:


evvvaii! non sono sola! (qui e nel grassello)

> Personalmente uso prendere il grassello, all'inizio del cantiere,
> metterlo nei fusti con l'acqua per spegnerlo ulteriormente fino alla
> necessità dell'uso.

Perfetto, anche io.

In questo modo si stabilizza ulteriormente, e tra
> le altre cose sopporta benissimo le terre d'ombra, sono arrivato ad
> oltre 22 kg di terre per quintale di grassello,

22%? é tanto! mi sa che sbaglio qui.. io faccio un 8%.
Spiego: siccome per quanto ne abbia dato si continano a vedere residui
di vecchie pitture che non sono riusciti a scrostare, alla 4a mano ho
aggiunto ossido di *****anio per l'8%. Ed é decisamente migliorato ma non
ci siamo ancora.
Non so se l'ho detto ma cerco un bianco "greco", ossia abbacinante e per
ora sono interni.

ho gli esterni di un
> edificio fatto così nel 1981 ed è ancora perfetta. Però ha sfogato i
> soliti carbonati per circa 3 anni, ma è un segno che stava tirando
> bene e che si stabilizzava.

Mi dici che faccia hanno? Non mi sono mai capitati.

Nota generalmente lo faccio dare con la
> pompa in questo modo: prima passa l'aiuto pittore con la pompa e
> spruzza acqua per bagnare l'intonaco e, subito dopo e velocemente
> senza dare il tempo di asciugare, il pittore con la pompa a spruzzare

anche io pompa e poi subito grassello ma finora sempre a pennellessa

Spiego: se uso la mia calce é sabbiosa (non solo questa, anche altre
sono sabbiose) e non potrei darla a pompa. Peró con quella non ho
mai-mai-mai avuto problemi di copertura di vecchi dipinti. Avevo persino
tralci di uva nera/blu e con due mani di calce bianca son spariti. Per
dire.

Invece oggi son nella palta: Biocalce di Trezzo (Mapei, credo) Fassa
Bortolo, Tassullo, vecchietto che fa biomalte e grasselli da 50 euro i
10 kg x 48 mesi di invecchiamento.., tutti grasselli bellissimi da
vedere e toccare quanto inutili. Se avessi dato il latte di mozzarella
sarebbe stato meglio.
(flash...avran ragione quelli che "la mozzarella la sbiancan con la calce"?)

> la calce, faccio così per tutte le mani, in genere 3.

Perfetto. Solo a sto punto ho un dubbio: se la dai a spruzzo non ti esce
solo un velo di colore? Hai 100 kg di grassello, 22 di terra..minimo ti
ci van 200 litri di acqua.. E copre?
Ma....dal punto di vista della teoria non é che il grassello ti diventi
non un colore in sé ma semplicemente un supporto per il colore? Un pó
come quando si fanno gli affreschi: un filo di grassello e poi il
colore. Il grassello diventa solo quella sostanza bianca di appoggio che
serve per arrivare al colore. (in altri contesti sarebbe il bianco di
meudon o bianco di Bologna - che qui non si puó perché, se ben ricordo,
son gessosi).
Se tu invece volessi il bianco che piú pianco non si puó? che faresti?

Chiaro che se
> ci sono riprese d'intonaco si vedono, all'inizio poi , nel tempo si
> omogenizza tutto, è la caratteristica della vera calce.

Infatti. Ma convincili tu..In dieci che fan la faccia "é arrivata la
scema"..
eddy 2 Nov 2014 10:24
Il giorno venerdì 31 ottobre 2014 11:52:17 UTC+1, elledi ha scritto:
> toc,toc, c'e'ancora qualche anima viva?
>
> Qualcuno ha una *consolidata* esperienza sul grassello di calce come
> pittura per interni? Lo uso da decenni senza il minimo problema ma eran
> tutti lavori a sud.
> Adesso la mia calchera non me lo spedisce (beh, non a costi umani) e qui
> in Lombardia siamo arrivati a darne 5 mani e ancora ci sono ombre..
> Ho comperato anche l'invecchiato 48 mesi: bof...un miglioramento forse
> del 5% che non giustifica minimamente i 50 euro a tolla.
> Non mi capacito, non é mai successo e non voglio pensare quando andremo
> sugli esterni che é umido.
> Se c'é qualcuno spiego bene.
> Okkio: grassello, non premiscelati, traspiranti, "a base di",...
> Grazie

22% in quanto il colore era rosso mattone cupo, l'intonaco era un vero
terranova, l'edificio è di Montuori, quindi volevo rispettare al massimo
l'originale.

Per il bianco "greco" l'unica è togliere tutto e portare l'intonaco a vergine,
altrimenti ci sarebbe un trucco, usato nel sud del lazio, dare tante mani fino a
creare una crosta coprente, lo usano sia a pompa che a pennello.

Domanda come fai ad avere grassello sabbioso? Cmq prima di metterlo nella pompa
lo passo al setaccio fino anche se ben spento e ben amalgamato.
CMQ molto dipende dalle maestranze se non capaci ci metto l'acrilico,al max 3%,
migliora la copertura, ma non è la stessa cosa, è una *****heria ma in casi
estremi, rimedi estremi.

Per la pompa, l'acqua è in pari proporzioni, è dura da pompare a mano, faccio
usare la pompa a zaino, e l'ugello è modificato per permettere il giusto
passaggio.

Il grassello è colorato in pasta, è tutta questione di granulometrie dei
componenti, ma sono un fissato "tecnologo" per cui tendo a costruire tutto in
casa.
Nota Personalmente per queste cose non uso mai prodotti industriali come Mapei e
Fassa, ho avuto troppe cattive sorprese, mapei, come altri produttori, nei miei
cantieri è vietata con apposito ordine di servizio fatto direttamente alla
firma del contratto da oltre 20 anni, ho avuto troppi guai, specie in
assistenza.
Il bello è che sono un fanatico dei nuovi materiali, mi occupo anche di ricerca
applicata, ma, dopo esperienze negative, solo dopo che ho fatto fare apposite
prove di laboratorio di mia fiducia

Il ciclo classico degli affreschi è diverso da una tinteggiatura murale,
cambiano non tanto i materiali quanto le composizioni degli stessi, le
granulometrie, e le modalità di esecuzione.
eddy 2 Nov 2014 10:43
"E' arrivata la scema..." :) E' vero capita anche a me, quasi sempre per le mie
scelte spesso controcorrente, è la condizione che tocca sopportare,
personalmente, quando appare la faccia "e' arrivato lo scemo" prima cerco di
spiegare, se non vogliono capire mi arrabbio e a questo punto ho due strade:1.
me ne frego, scrivo una letterina in cui metto in chiaro il mio pensiero, e poi
faccio come vogliono, quando avranno guai gli ricordo la lettera. 2.sbatto la
porta e me ne vado.
Ma ce lo possiamo permettere, lo stu***** ha un'età media, nei capi, da
gerontocomio ;) , alcuni hanno superato i 50 anni di professione, sono il più
giovane (36 anni di prof), quindi abbiamo un "peso" non indifferente, sono i
clienti che ci cercano ergo sono ben disposti, altrimenti se ne possono anche
andare, ci facciamo in 4 per il cliente, il progetto e l'esecuzione deve piacere
a loro ed è fatto per loro, ma c'è sempre un limite.
elledi 3 Nov 2014 11:32
Il 02/11/14 10.24, eddy ha scritto:

> dare tante mani fino a creare una crosta coprente, lo usano sia a
> pompa che a pennello.

Interessante, sabato siamo passasti a darlo a frattazzo di spugna. Oggi
vado a vedere.

> Domanda come fai ad avere grassello sabbioso?

ma veramente io l'ho sempre sempre trovato sabbioso al punto che oggi
sospetto che sia il contenuto in sabbietta a non avermi dato mai
problemi. Ho sempre usato grassello sardo. Quasi sempre di Calcidrata.
Certo, poi le solite: comperato, aggiunto acqua, tenuto lí, filtrato
prima di darlo, ecc. Ne avevo di 6-7 anni forse piú. Ma ti giuro che la
differenza col nuovo é sempre stata poco rilevante.
Ho parlato anche con Calcidrata e sono stati loro, anzi la tecnica é una
lei, a dirmi che usano il calcare di trachite di Orosei e che
pro*****ilmente io sono si fronte a un basso *****olo di calcio, almeno
rispetto al loro.
Poi ho parlato con altre persone persone che usano grasselli di ditte
sconosciute, magari non marginali ma che non si pubblicizzano, e anche
loro dicono che son sabbiosi ma che coprono.
Tu da chi lo prendi?

Cmq prima di metterlo
> nella pompa lo passo al setaccio fino anche se ben spento e ben
> amalgamato. CMQ molto dipende dalle maestranze se non capaci ci metto
> l'acrilico,al max 3%, migliora la copertura, ma non è la stessa cosa,
> è una *****heria ma in casi estremi, rimedi estremi.

Oh, qui apriamo un capitolo. Io metto *sempre* la colla se non é
dichiaratamente calce-su-calce.
E arrivano i puristi: le colle fan pellicola.
Ma se avessi un foglio di grandezza corrispondente alle mie
pareti/soffitto, potrei incollarcelo con quel 3%?
Bellissimo: un vecchietto che fa malte bio un giorno mi bofonchia fra i
denti "Ma ci metta la colla! Finiscon tutti lí..." :-)

In veritá,'ste robe le ho imparate da Couelle padre in Sardegna che si
portó lí tutto il modo di costruire dei mas e le bastide provenzali, con
quei modi di fare intonaci e invecchiarli.
Parliamo degli anni '70...
Per es.
http://www.luxurytravelmagazine.com/images/trips/Hotel-Cala-di-Volpe-a_big.jpg
E dall'esterno: http://tinyurl.com/oh8w6pa

> Per la pompa, l'acqua è in pari proporzioni, è dura da pompare a
> mano, faccio usare la pompa a zaino, e l'ugello è modificato per
> permettere il giusto passaggio.

Perfetto, grazie. Come pensavo.

> Il grassello è colorato in pasta, è tutta questione di granulometrie
> dei componenti, ma sono un fissato "tecnologo" per cui tendo a
> costruire tutto in casa. Nota Personalmente per queste cose non uso
> mai prodotti industriali come Mapei e Fassa, ho avuto troppe cattive
> sorprese,

ecco ma, come sopra, la base, da dove la prendi?
Per dircelo tra noi, che qui tanto ormai non passa neanche lo spyder di
google: ho parlato anche col "giro" di un sito sulla calce (che poi in
veritá é un ring non dichiarato) e, a parte costi da eresia sia per
materiale che per artigiani, sento le stesse cose. Cioé ho la nettissima
sensazione che sulla calce si sia montata una mongolfiera.
Tutti, ma tutti, vendono a lato del grassello (il mio piú puro del tuo)
il bidone da 20-25kg di stagionato a 50-60 euro. Ma santapaletta se
basta prendelo e lasciarlo lí mi passi da 5 euro a 50?!
Ah, poi senti questa, un'amica arredatrice che sta in Provenza mi dice
che ormai loro se uno vuole i marmorini pigliano materiale piú o meno
preconfezionato in Italia ma se uno vuole i veri intonaci di Provenza,
il grezzo lo pigliano in Grecia. Ma non é che a forza di cave...?

Vado a farmi un caffé.Ti ringrazio *tanto* della chiacchierata.
eddy 3 Nov 2014 11:47
Il giorno venerdì 31 ottobre 2014 11:52:17 UTC+1, elledi ha scritto:
> toc,toc, c'e'ancora qualche anima viva?
>
> .......
Che sulla calce ci sia una mongolfiera è proprio vero.

Infatti, ecco perchè faccio comprare il grassello ordinario, prima ancora
dell'apertura del cantiere, lo faccio stagionare in cantiere, e poi lo uso dopo
averlo setacciato bene, il tutto alla vecchia maniera.
In genere lo faccio dare direttamente sulla lisciatura, oppure se è terranova,
con la "chiocciola" ormai solo metallica, quelle di legno e ******* non le fanno
più, sempre colorato in pasta, cambia solo la densità e granulometria
elledi 4 Nov 2014 11:41
Il 03/11/14 11.47, eddy ha scritto:

> Che sulla calce ci sia una mongolfiera è proprio vero.
>
solo per dire una cosetta cosí chiudo definitivamente i capitoli coi bio
dell'ultima ora, le loro pseudocalci e i loro pseudoesperti.

Ho scovato ieri un avanzo di calce sarda, 90% é di Calcidrata. Senza
colle, senza ossidi, senza niente di niente. Troppo poco per un lavoro
ma abbastanza per una prova.
Ho raschiato una parete dietro a una porta, portato a intonaco ma con
tracce di pittura come peraltro il resto della casa e forse peggio.
Ho bagnato bene e ho dato subito la calce a pennello.
Quando sono arrivata allo zoccolo, in cima era giá quasi bianca.
Bellissima, molto mat, molto coprente.
E moltissimi buchetti e dislivelli erano chiusi e levigati.
Una seconda mano ed é chiusa lí, altro che le 6 mani che ho dovuto far
dare dei loro trappoloni.
Non so se essere contenta perché avevo ragione o essere depressa perché
comunque non me la mandano. :-/
Grazie e buon lavoro :-)

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Discussioni di architettura | Tutti i gruppi | it.arti.architettura | Notizie e discussioni architettura | Architettura Mobile | Servizio di consultazione news.